Nella struttura, sempre all’avanguardia grazie ai corsi di aggiornamento costanti che coinvolgono entrambi i medici, si eseguono piani di trattamento basati su diagnosi precise e personalizzate.

Vuoi scoprire qualcosa in più sul lavoro del dentista?

Non farti spaventare dalle parole tecniche che utilizziamo e se vuoi, senza impegno, chiamaci per avere un parere.

_MG_3818La pedodonzia è una branca dell’odontoiatria che riguarda le cure delle patologie odontoiatriche nei pazienti in età infantile, dai 2 ai 16 anni. Solitamente per i piccoli pazienti ci si occupa di igiene e prevenzione, si sigillano i solchi dentali per evitare future carie e si fanno applicazioni di fluoro, oltre ovviamente a curare lesioni cariose in atto. La cosa importante in questa fase di età è mostrare ai bambini come l’igiene orale possa essere un gioco, attraverso astuzie da consigliare ai genitori, come clessidre colorate che mostrano il tempo che si passa a lavarsi i denti, o spiegando loro in maniera leggera e divertente gli effetti di una mancata pulizia dentale.

L’endodonzia è una branca dell’odontoiatria che si occupa della terapia dello spazio interno del dente, dove si trovano vasi e nervi. In termini semplici, si tratta di quelle che comunemente vengono definite devitalizzazioni. Si ricorre solitamente a questa terapia quando un dente, a causa di una carie o di un trauma, abbia subìto una lesione cariosa tale da necessitare, per il recupero del dente stesso, di dover essere devitalizzato.

L’odontoiatria conservativa si occupa di eliminare o curare la carie. Avete sicuramente sentito parlare delle otturazioni: attualmente si realizzano esclusivamente in materiale bianco, più propriamente chiamato composito. L’intervento deve far sì che il dente ritorni il più simile possibile all’originale sia per quanto riguarda la funzione che l’estetica. Come si procede? Si asportano smalto e dentina ammalati e quindi si chiude il dente con il materiale sopracitato.

La parodontologia studia le malattie a carico dei tessuti di sostegno del dente, cioè gengiva e osso. La malattia del parodonto, una volta chiamata volgarmente piorrea, è una patologia molto diffusa e di solito ha come basi cattive condizioni igieniche, da qui l’importanza di prevenzione e igiene, cardini della professione dell’odontoiatra. Le cure possono essere di tipologie differenti, dal più facile costante monitoraggio dell’igiene orale e frequenti sedute di igiene professionale, alle più avanzate terapie chirurgiche.

L’Ortodonzia studia le diverse anomalie del posizionamento dei denti e delle ossa mascellari e la loro possibile soluzione. L’intervento dell’ortodonzista serve proprio per prevenire queste anomalie, aiutando chi ne è affetto a ottenere una posizione dentale corretta e quindi a migliorare, sia la masticazione che l’estetica del paziente. Sicuramente ne avrete sentito parlare soprattutto come cura dedicata ai bambini, maggiori destinatari di apparecchi mobili o fissi, ma può essere eseguita, se necessario, anche su pazienti adulti.

La chirurgia orale si occupa dell’estrazione di denti, qualora fossero giudicati irrecuperabili perché affetti da estese patologie, di apicectomie, asportazione di cisti, innesti di osso e ricostruzioni dello stesso, in modo da creare nuovo supporto per terapie implantari.

L’implantologia è una tecnica chirurgica atta a ricreare dei pilastri nel cavo orale dei pazienti che hanno perso uno o più elementi dentali. Sugli impianti in titanio inseriti nell’osso del paziente verranno poi posizionati elementi protesici in maniera tale da supplire alla mancanza dei denti naturali persi. La metodica implantare permette di reggere al meglio protesi fisse o mobili e riabilitare il paziente donandogli la possibilità di ritornare a masticare e a sorridere.

Igiene e prevenzione, i due cardini del lavoro del dentista. Imparare a curare correttamente i propri denti attraverso un’igiene profonda e costante, sfruttare, in base alle proprie esigenze, tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione (filo interdentale, scovolino, idropulsore, spazzolino elettrico, colluttorio ecc), sono solo le spiegazioni che ciascun dentista deve dare al proprio paziente per aiutarlo nel mantenimento della salute dentale e, allo scopo, sottoporlo a sedute di igiene dentale personalizzando la frequenza in funzione delle esigenze individuali.